Buatta, contenitore di news

* INFO COOKIES - GDPR *

❌ Informazioni
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Giulia Sarti, non solo le sue foto hard. Gregorio De Falco confessa: "Cosa hanno in mano i grillini"

Le conseguenze del caso Giulia Sarti. Si parla della vergogna subita dalla grillina, le cui foto osè sono tornate in circolazione, come è arci-noto, negli ultimi giorni. Un caso spinoso che sta creando non pochi imbarazzi ai grillini. E non solo per quanto accaduto alla Sarti. Già, perché ora in Par

Carcere per "Revenge porn" sul web, il Senato avvia l'iter per il decreto del M5s

La deputata Giulia Sarti, Movimento 5 StelleNessuna tolleranza per chi diffonde on line foto o video a contenuto sessuale senza il consenso della persona protagonista. E' quanto stabilisce il ddl ad hoc incardinato dal Senato per punire severamente...

Giulia Sarti, Salvini chiede informazioni alla polizia: “Vicenda disgustosa”. Fonti del Viminale: “Foto diffuse via chat”

di F. Q.

Segue la questione e ha chiesto informazioni alla polizia. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, dopo un giorno di silenzio, definisce “disgustosa e molto gravela vicenda che coinvolge la deputata Giulia Sarti e delle sue immagini private, hackerate nel 2013 e tornate a circolare in questi giorni. “È nostro dovere proteggere la libertà e la privacy di Giulia Sarti e delle altre persone, spesso giovani, che subiscono e hanno subito lo stesso vergognoso trattamento”, ha detto Salvini. Poco dopo fonti del Viminale hanno fatto sapere che al momento, le verifiche della Polizia Postale “non hanno rilevato la presenza in rete di nuove foto e video”. “Le immagini si stanno diffondendo attraverso le applicazioni di messaggeria“, come WhatsApp.

Malgrado a vario titolo si dicano tutti schifati, le immagini continuano a girare da una chat all’altra. Come ha scritto il Fatto Quotidiano oggi in edicola, anche a Montecitorio le immagini della deputata sono arrivate sugli smartphone dei suoi colleghi. Questo almeno raccontano loro stessi, seppur condannando la vicenda. Nel frattempo mercoledì sul tema è intervenuto il Garante della privacy, con un richiamo a media e giornalisti a “non diffondere le immagini”. Così come il presidente della Camera, Roberto Fico, ha parlato di “un atto vigliacco” e ha ribadito a Sarti “la solidarietà mia e di tutti i deputati”.

Mercoledì la senatrice del M5s, Elvira Evangelista, ha annunciato una legge contro il cosiddetto revenge porn, cioè la pubblicazione e diffusione di materiale sessualmente esplicito senza il consenso della persona coinvolta, che viene discussa oggi in commissione Giustizia. Dopo gli appelli dei politici, oggi a chiedere un intervento legislativo è stata anche Maria Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone, la ragazza di Mugnano (Napoli) che nel settembre del 2016 si è suicidata dopo la diffusione in rete di suoi video e immagini hot. “Quanto accaduto può diventare un input per legiferare e intervenire finalmente su questo fenomeno”, ha detto all’Adnkronos.

“Ormai non passa giorno che questi odiatori da tastiera non si rendano protagonisti di offese, di calunnie in particolare contro le donne. Purtroppo alle nostre latitudini viviamo ancora una cultura giudicante, piena di sessismo e di maschilismo e la vergogna che le donne sono costrette a provare è indotta da una cultura retrograda“, ha aggiunto Maria Teresa Giglio. A suo parere la questione da affrontare è tutta incentrata sul web e sull’impunità della quale ancora riesce a godere chi offende, calunnia e commette furti d’identità sulla rete: “Il fatto che la rete debba restare libera non deve avere come conseguenza che tutto sia permesso, che sia un luogo franco dalle regole”.

“Una legge sul ‘Revenge Porn’ è ormai indispensabile, non più rinviabile”. Ne è convinto anche Luca Ribustini, autore, insieme a Romina Farace, del libro inchiesta “Uccisa dal web” proprio sulla storia di Tiziana Cantone. Interpellato dall’Adnkronos, Ribustini ha sottolineato come “i rischi legati a questo tipo di fenomeni sono immensi. Non si ha contezza spesso che ciò che appare controllabile, in realtà non lo è se non in minima parte”.

L'articolo Giulia Sarti, Salvini chiede informazioni alla polizia: “Vicenda disgustosa”. Fonti del Viminale: “Foto diffuse via chat” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Giulia Sarti, il terrore M5s: "Hanno ripreso anche loro", il terrificante sospetto sui filmati privatissimi

Dietro l'imbarazzo privato di Giulia Sarti c'è il terrore politico del Movimento 5 Stelle. Lo scandalo sollevato nuovamente dalle Iene sulla deputata grillina, travolta da una vecchia e brutta storia di rimborsi e, soprattutto, video hard girati in casa e pubblicati a tradimento, preoccupa i vertici

Video hot e fake, il caso Giulia Sarti divampa in Parlamento e scuote il M5s

La deputata Giulia Sarti, Movimento 5 StelleUn’avvilente quanto pericolosa deriva mediatica impazza sui social e prende di mira una giovane deputata nei cui confronti si scatena un vero e proprio caso, forse il primo, di «revenge porn» politico....

Giulia Sarti, i video hard e le parole del fidanzato a Le Iene

La iena Filippo Roma è andato dall’ex collaboratore e fidanzato della parlamentare M5S Giulia Sarti, al centro dello scandalo Rimborsopoli. Che, sulla vicenda dei “videocontrolli” pagati con parte dei soldi non restituiti, si contraddice più volte. La vicenda è quella dello scandalo dei mancati rimb

❌