Buatta, contenitore di news

❌ Informazioni
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiLa Sicilia

Al via il Summer Camp del Ciss tra Palestina e Italia

Quando la solidarietà anziché andare in vacanza diventa vacanza. Settanta giovani palestinesi di Gaza e della West Bank hanno cominciato la loro esperienza di scambio e gioco in Palestina. 30 di loro parteciperanno allo scambio in Italia dal 20 luglio al 4 agosto. Il CISS, la onlus Cooperazione Inte

Titolo di un articolo di test

It was all about counting the days. For five of them after England’s opening night at Twickenham, Scotland waited, presumably wishing the days were shorter. Time drags when you have yet to play a game. The four days that Japan were given after shaking the old rugby order to its very core in Brighton

Libia, ostaggi raccontano la prigionia al pm «Dopo tante botte, ci siamo liberati da soli»

ROMA - Sono stati picchiati, colpiti con calci e pugni e con il calcio del fucile.Tenuti in ostaggio sempre nella zona di Sabrata, dalle stesse persone che a volte non gli somministravano nemmeno il cibo. E dopo aver subito tante violenze, psicologiche e fisiche, si sono liberati da soli, venerdì, e

A Piazza Armerina si spera che Filippo Calcagno torni a casa

PIAZZA ARMERINA  - “Seguiamo con trepidazione le notizie che arrivano dalla Libia ma non abbiamo ancora alcuna notizia ufficiale sulle sorti del nostro concittadino”. Lo dice Filippo Miroddi, sindaco di Piazza Armerina, il paese d’origine del tecnico della Bonattti, Filippo Calcagno, 65 anni rapito

A Carlentini la famiglia Failla chiusa nel suo dolore

CARLENTINI - C’è un clima irreale in contrada Balate di Zacco, alla periferia di Carlentini, davanti alla palazzina gialla delle case popolari dove si trova l’abitazione della famiglia di Salvatore Failla, 47 anni, l’operaio specializzato dell’azienda Bonatti di Parma rapito il 20 luglio scorso in L

Profughi, noi tutti sulla stessa strada. Parte dalla Sicilia la campagna Avsi per i migranti

Un contributo anche dalla Sicilia per offrire un aiuto concreto a 750 famiglie di profughi siriani, iracheni e palestinesi, ora in Libano e Giordania, con beni di prima necessità e con programmi volti a favorire l'accesso all'istruzione e all'educazione dei giovani, nonchè a migliorare l'autonomia d

❌